La Commissione

             Finalità e Attività

             Relazioni al Parlamento

             Rapporti e Studi

             Delibere e Pareri

             Legislazione

             Giurisprudenza

             Contatti

             Link




> Programmi > Documenti di lavoro > Attività realizzate         
        > Home page | Finalità e Attività


Finalità

Tra i compiti fondamentali affidati alla Commissione vi è quello di garantire l'osservanza dei principi della legge di riforma dei servizi idrici, con particolare riferimento all'efficienza, efficacia ed economicità del servizio, alla regolare determinazione ed al regolare adeguamento delle tariffe, nonché alla tutela degli interessi degli utenti.

Alla Commissione è attribuito il potere di proporre azione innanzi agli organi giurisdizionali competenti contro gli atti posti in essere in violazione della normativa vigente in materia di servizio idrico integrato, nonché di esercitare l'azione di responsabilità nei confronti degli amministratori e di risarcimento dei danni a tutela dei diritti dell'utente.

Nel seguito vengono riportati una sintesi del Piano generale delle attività della Commissione, i programmi e i documenti di lavoro e i provvedimenti adottati a conclusione di ciascuna attività.


Programma di attività della Commissione

1 - I compiti della Commissione sono quelli previsti dall'art. 161 del D.lgs 3 aprile 2006, n. 152, come modificato e integrato dall'art. 2, c. 15 del D.lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 e dall'art. 9 bis, c. 6, della legge 24 giugno 2009, n.77.


Essi riguardano in particolare:

  • a) la predisposizione del metodo tariffario, da trasmettere al Ministro che lo adotta con proprio decreto;

  • b) la verifica della corretta redazione dei piani d'ambito, con espressione di osservazioni, rilievi e prescrizioni;

  • c) la predisposizione di una o più convenzioni tipo per l'affidamento del servizio;

  • d) l'emanazione di direttive per la trasparenza della contabilità;

  • e) la definizione dei livelli minimi di qualità dei servizi;

  • f) il controllo delle modalità di erogazione dei servizi;

  • g) la tutela e la garanzia dei diritti degli utenti;

  • h) la predisposizione di rapporti periodici sullo stato di organizzazione dei servizi;

Vai alla pagina successiva >>